SENTENZA DISCARICA "LA CASTELLA"

COMUNICATO STAMPA

 

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 4893/2020 depositata il 3 agosto 2020, ha integralmente accolto il ricorso in appello proposto dal Comune di Rezzato e, per l’effetto, ha annullato il giudizio positivo di compatibilità ambientale e le autorizzazioni favorevoli che erano state rilasciate per il progetto di discarica per la messa a dimora permanente di rifiuti non pericolosi sita in località Cascina Castella.

Si tratta di una notizia straordinariamente positiva, non solo per il brillante risultato, ma anche in considerazione della motivazione espressa dal Giudice Amministrativo di ultima istanza, che ha accolto tutte le argomentazioni fatte valere dalla difesa del Comune e che costituisce così un punto di riferimento per impedire anche in futuro insediamenti analoghi.

(Spiace solamente che si sia reso necessario tanto tempo e tanti sforzi per impedire la realizzazione di un impianto il cui iter realizzativo ha preso le mosse da una accondiscendente presa di posizione, poi smentita, dell’amministrazione in carica nell’anno 2007)

L’unico soggetto legittimato a contestare la sentenza di primo grado era il Comune di Rezzato, e dunque vale la pena di sottolineare come il brillante risultato è stato reso possibile solo dalla decisione, assunta dall’amministrazione guidata dal sindaco Giovanni Ventura, di proporre appello avverso la sentenza di primo grado.

Ringraziamo tutti i Comuni, le associazioni ed i cittadini che hanno sostenuto l’azione legale dell’Amministrazione.

 

    Rezzato, 03/08/2020                                                                                      L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE